COSA FACCIAMO

Crediamo che il ruolo delle Diaspore nella Cooperazione allo Sviluppo sia fondamentale per creare relazioni stabili e durature tra il nostro paese e i paesi d’origine dei migranti residenti in Italia, e per garantire che i progetti siano sostenibili. Pensiamo alle Diaspore come ponti culturali e leve di sviluppo economico dei paesi emergenti.

Per questo è necessario promuovere le conoscenze e le competenze delle Diaspore sulla Cooperazione allo Sviluppo e percorsi di rappresentanza inclusiva delle Diaspore nella Cooperazione Internazionale, così come previsto dalla Legge 125/2014.

DIASPORE E COOPERAZIONE

Con la legge 125/14, viene riconosciuto  un ruolo di primo piano alle organizzazioni ed associazioni di immigrati nell’attivare processi di cooperazione allo sviluppo (artt. 2 e 26). L’Italia si posiziona così all’avanguardia nelle politiche di Migrazione e Sviluppo, promuovendo la partecipazione delle diaspore sia su un piano politico-istituzionale (presenza nel Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo), sia a livello operativo mediante l’accesso diretto ai bandi di finanziamento.

Con l’intento di attuare quanto previsto dalla legge, il percorso del Summit Nazionale delle Diaspore persegue l’obiettivo di informare e formare le associazioni di diaspore impegnate in progetti di cooperazione allo sviluppo.

TEAM OPERATIVO

9 esperti in Migrazione e Cooperazione, organizzano, realizzano e raccontano le attività previste dal progetto.

Cleophas Adrien Dioma
Coordinator
LE RESEAU 

Formatore, educatore, giornalista, è presidente dell’associazione Le Réseau, e direttore artistico del Festival Ottobre Africano. Ha un’esperienza consolidata nel mondo dell’associazionismo migrante da un punto di vista politico, culturale ed economico, è infatti l’Executive President dell’Italia Africa Business Week, primo forum economico fra Italia e Africa. Dal 2017 si occupa inoltre di cooperazione allo sviluppo ed è attualmente il coordinatore del Gruppo di Lavoro Migrazione e Sviluppo del Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo (MAECI).

Ada Ugo Abara
Project Assistant
LE RESEAU 

E’ una project manager è laureata in Scienze politiche, relazione internazionali e diritti umani all’Università di Padova e ha proseguito i suoi studi magistrali in Cooperazione, sviluppo e innovazione nell’economia globale presso l’Università di Torino.

Fin dalla co-fondazione dell’associazione Arising Africans nel 2015, Ada pone al centro del suo percorso professionale il sostegno all’intraprendenza dei giovani con e senza background migratorio, attraverso la creazione di opportunità lavorative o formative che valorizzino le origini e supportino l’avvio di progetti imprenditoriali afrodiasporici.

Rossella Semino
Senior Development and Advocacy Expert
LE RESEAU
Antropologa di formazione, è  da 15 anni attiva in cooperazione internazionale e sviluppo. Ha maturato rilevanti esperienze di lavoro presso diverse organizzazioni non governative e di vita in diversi contesti socioculturali e a diverse latitudini.
Attenta nella promozione dei diritti, nell’eradicazione delle disuguaglianze, lavora nei settori della salute, wash, educazione, sviluppo locale, turismo sostenibile e economia solidale. Filo rosso della sua esperienza è da sempre lo scambio e il dialogo con le diaspore e la loro partecipazione ai processi di sviluppo.
Mehret Tewolde Weldemicael 
Capacity Building Coordinator
LE RESEAU 

Mamma di Francesco, eritrea naturalizzata italiana, è arrivata a Roma da Asmara nel 1978. Ha lavorato per 27 anni allo IOR, la “banca” del Vaticano, a 38 anni, è diventata la prima donna dirigente dell’Istituto. Oggi è una coach e opera in ambito di cooperazione e nel mondo delle associazioni diasporiche. E’ membro dell’Associazione Le Reseau, un’APS che si occupa di cultura, interculturale e cooperazione.

E’ CEO di Italia Africa Business Week dove cura le proposte formative della stessa associazione.

Da maggio 2020, insieme ad altri soggetti ha costituito il CMDI, Comitato per la Multicultural Diversity&Inclusion.

Da poco ho intrapreso il percorso di laurea universitaria in Psicologia.

Susanna Owusu Twumwah
Head of Communications
LE RESEAU 

E’ una Communication Specialist, blogger e attivista immersa in progetti di sviluppo, diversità, migrazione e diaspore. Laureata in Cooperazione Internazionale e Sviluppo presso l’Università “La Sapienza” di Roma, ha completato i suoi studi magistrali alla School of Oriental and African Studies di Londra in studi sulle migrazione e le diaspore. Il suo focus di ricerca sono gli africani, afrodiscendenti, le persone razializzate in generale e le piattaforme digitali, come spazi di rappresentazione, auto-narrazione e di cambiamento politico e sociale.

E’ attualmente la vice-presidentessa dell’associazione QuestaèRoma, una realtà intersezionale composta da nuove generazione, che si occupa di emarginare ogni forma di discriminazione.

Inelida Franselina Soares 
Financial and Administration support
LE RESEAU 

Referente amministrativa, educatrice, mediatrice interculturale, laureata in storia dell’arte.

Nata e cresciuta a Roma, con doppia cittadinanza italo-capoverdiana. Fin da bambina cresce nel mondo associativo e del volontariato nel percorso scout, aderisce a vari progetti sulla cittadinanza attiva e sul ruolo dei giovani a livello internazionale, entra nell’Associazione delle Donne Capoverdiane in Italia – OMCVI, diventandone presidentessa dal 2015 al 2019.

Attualmente è la referente amministrativa di Le Réseau, APS, ETS ed è un’educatrice di minori presso il Borgo Ragazzi Don Bosco nel quale si occupa anche di rendicontazione progetti.

Daniele Panzeri
Project Manager
OIM

E’ il Coordinatore dell’Unità Migrazione e Sviluppo presso la Missione in Italia e di Coordinamento per il Mediterraneo dell’OIM. In precedenza, ha lavorato per varie ONG internazionali (UNA, CESVI, Save the Children, ActionAid) e per la Cooperazione italiana. In quindici anni di esperienza internazionale nel settore della Cooperazione allo sviluppo ha lavorato in Kenya, Somalia, Sud Sudan, Nepal, Pakistan e Birmania / Myanmar.

Laureato in Sociologia all’Università La Sapienza, ha successivamente conseguito un Master in Antropologia applicata e sviluppo partecipativo presso la Australian National University.

Eleonora Vona
Coordinator
OIM

Lavora presso l’unità Migrazione e Sviluppo della Missione in Italia e di Coordinamento per il Mediterraneo dell’OIM, di cui coordina l’implementazione dei progetti. Precedentemente, ha lavorato con la cooperazione tedesca in Burundi e Ruanda, occupandosi di progetti di peace building. Il file rouge delle sue esperienze professionali è la collaborazione con le associazioni della società civile in un’ottica di rafforzamento delle competenze.

È laureata in “Scienze Sociali per la Cooperazione e lo Sviluppo” presso l’Università La Sapienza di Roma, e si sta specializzando in “Cambiamenti Ambientali e Sostenibilità Globale” presso l’Università Statale di Milano.

 Nelson Mallè Ndoye
Project Assistant
OIM

E’ membro dell’unità Migrazione e Sviluppo presso la Missione in Italia e di Coordinamento per il Mediterraneo dell’OIM, dove si occupa di diaspore e cooperazione allo sviluppo. Precedentemente, ha lavorato a Bruxelles presso la Missione OIM per il Belgio ed il Lussemburgo e presso il Parlamento Europeo.

È laureato in Relazioni Internazionali Comparate presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con un Master europeo di primo livello in cooperazione euro-mediterranea conseguito presso le Università Ca’ Foscari, Autonoma di Barcellona e Paul Valéry III di Montpellier.

LE ASSOCIAZIONI DELLE DIASPORE

In Italia sono presenti oltre 2100 associazioni di migranti espressioni delle diaspore, che svolgono un ruolo fondamentale nei processi di integrazione nella società e per la crescita italiana. Queste associazioni rivestono un ruolo di rappresentanza rispetto alle istituzioni e di intermediazione tra i singoli migranti, la società di accoglienza e le istituzioni. Molte svolgono spontaneamente attività di solidarietà internazionale e cooperazione allo sviluppo promuovendo le relazioni dell’Italia con i paesi di origine. Molte vorrebbero avvicinarsi a questo settore. Ad esse sono dirette le attività del Summit Nazionale delle Diaspore.

La prima edizione del summit ha permesso di incontrare e/o mappare circa 400 Associazioni delle diaspore e oltre 100 imprenditori migranti provenienti da 50 paesi di Asia, America Latina, Africa e Europa.

EDIZIONI PRECENDENTI

Documenti gallery del Summit Nazionale delle Diaspore negli anni passati

ARCHIVIO EDIZIONI PRECEDENTI